L'indispensabile

Quel suono sembrava averlo stranamente rinfrancato. Egli era un fantasma isolato, che proclamava una verità che nessuno avrebbe mai udito, ma finché avesse continuato a proclamarla, in qualche misterioso modo l’umana catena non si sarebbe spezzata. Non era facendosi udire che si salvaguardava il retaggio degli uomini, ma conservando la propria integrità mentale. Tornò al tavolo, intrise la penna nell’inchiostro e scrisse:
al futuro o al passato, a un tempo in cui il pensiero sia libero, gli uomini siano gli uni diversi dagli altri e non vivano in solitudine… a un tempo in cui la verità esista e non sia possibile disfare ciò che è stato fatto: dall’età dell’uniformità, dall’età della solitudine, dall’età del Grande Fratello, dall’età del bipensiero…
Salve!
Lui era già morto, gli venne fatto di pensare. Ebbe l’impressione di aver mosso il passo decisivo solo ora, ora che aveva cominciato a dare una forma scritta ai suoi pensieri.

… ma che cosa si può fare contro il pazzo che è più intelligente di noi?


Questo un manifesto che tutti dovrebbero leggere, capire, assimilare. Questo libro rappresenta la perdita più cruenta della libertà, la privazione del pensiero, l’oblio alle più semplici e basilari emozioni che rendono umano l’uomo. D’altra parte, ci ricorda l’importanza della vita, ci indica cosa è giusto conservare, quello per cui vale la pena lottare, tutto quello che abbiamo e che invece diamo per scontato.
1984 ti fa bestemmiare, ti rinchiude in una gabbia e ti scuote senza scampo. Il solo modo di uscirne è finirlo! Non si riesce a restare indifferenti agli eventi, non puoi non sentire un campanello di allarme risuonare nel cervello, non puoi non affezionarti a Winston Smith. Forse per alcuni il Grande Fratello è quello in diretta tv, forse George Orwell quando scrisse questo capolavoro non ci pensava nemmeno a chi, come me, sarebbe rimasta legata per sempre a quelle pagine.

Un libro che ha lo stesso effetto di una droga senza effetti collaterali: espansione di coscienza.


Scheda libro
Titolo: 1984
Autore: George Orwell
Editore: Oscar Mondadori
Genere: narrativa straniera
Pagine: 321

MissK DiCinema

2 commenti: