Una notte da leoni 3: recensione

Phillips ce l’ha messa tutta. D’altra parte dopo sbornie colossali, matrimoni con prostitute, Mike Tyson, scimmie fumatrici, coreani fuori di testa, dita mozzate, tigri, denti scippati e droghe, era un tantino complicato continuare a destare clamore. Così ha pensato bene di raccogliere alcuni tasselli mancanti e costruire il sequel finale della trilogia, non solo sul demenziale, ma anche sul reale.  L’effetto (nonostante sia stato provvisorio) mi ha tenuta sorridente, incuriosita e festaiola. In fondo c’è Alan, un marchio di follia per eccellenza.

Consiglio The Hangover III (per chi come me non ama le traduzioni), a chi detesta restare a metà, a chi vuol sapere come si innamorano due tipi eccentrici e già che c’è, vuole dare un’occhiata a Tyler, che, come dice il regista: “ci è parso molto fico”. E in questo caso, confermo.

“Chow anche dislessico. Chow ha rotto il c…!” (Stu)
RECENSIONE

MissK DiCinema

2 commenti:

  1. Visto! Avrei rivoluto vedermi prima i precedenti due perché alcune cose non le ricordavo e mi hanno lasciato perplesso, Bello anche se per tutto il film ti chiedi "ma quando arrivano le scene sconvolgenti dei primi due?", e alla fine arrivano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :)
      ii effetti in giro c'è chi dice inutile e chi invece riconosce che un terzo non sarà mai come al primo, secondo me ha retto bene.

      Elimina