Doppio Gioco - Shadow Dancer: recensione

Un thriller di James Marsh, lo stesso del premio alla regia per "Project Nim", purtroppo un po' prevedibile, ma col pregio di concentrarsi sui retroscena (emotivi) di fatti di cronaca. Ambientato nella Belfast degli anni novanta, durante lo schieramento dell'IRA contro la Gran Bretagna. Non è palloso, se è questo che state pensando, ma semplice.
Soundtrack di Dickon Hinchlife e Tindersticks.


RECENSIONE
<<Ora vai, hai qualcosa da fare>>
<<Sì, devo scavarmi la fossa!>>

MissK DiCinema

Nessun commento:

Posta un commento