Il potere dei soldi: recensione

Il Potere dei soldi è un piccolo e seducente diavoletto che si agita dentro gli animi di chi desidera una vita migliore, di chi vorrebbe riconosciute le proprie capacità e invece si vede messo da parte perché ultima ruota del carro. Ai vertici sempre le stesse facce, spietate, amorali e astute. Illuminate dall’avidità e ossessionate dai soldi. Non c’è modo di avvicinarsi o di superarle onestamente, c’è solo un’opportunità sbagliata che acceca l’integrità e fa diventare Adam (Liam Hemsworth) come loro. Un piccolo squalo che vuole crescere, ma viene nutrito dalle mani sbagliate: Gary Oldman e Harrison Ford. 
Ci si addentra in questo film in uno scontro tra le giovani illuse generazioni e gli anziani ricattatori aziendali. Qualcuno vince e qualcun altro perde, bisogna solo scoprire cosa, e chi.

<<La fiducia è il Sacro Graal dello spionaggio>>.

Scheda e recensione completa


MissK DiCinema

4 commenti:

  1. Questo voglio vederlo. Comunque, non so se ci ha fatto caso, ma ultimamente le locandine dei film sono sempre più brutte, una delle poche eccezioni è quella de L'arbitro (quello con Stefano Accorsi) bellissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sappimi dire allora :)
      (io l'ho trovato un po' perso)

      sulle locandine hai ragione, recentemente c'è stato questo concorso http://www.trailersfilmfest.com/cms , io la mia l'ho detta..ma c'è un discutibile gusto in giro!

      Elimina
  2. La peggio di tutte quelle viste recentemente resta quella de L'uomo d'acciaio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora sarà stata suggestione..ancora quel film devo trovare la forza di vederlo.. ehm!

      Elimina