Blue Jasmine di Woody Allen: recensione

È una questione di gravità: più cadi dall’alto più ti fai male. Più appartieni all’upper class, più la borghesia ti terrorizza. Lo sa il nababbo, lo sa Woody Allen e adesso lo sa anche Cate Blanchett.

Donna distrutta, smarrita e sedata dentro cocktail di Martini e Xanax. Incastrata in una rabbia “per bene” e castigata da soliloqui schizofrenici dichiara: «C’è un limite ai traumi che una persona può sopportare prima di mettersi a urlare in mezzo alla strada». Punto di rottura che tenta di schivare e che invece la attraversa senza pietà.
Dopo aver perso marito e figlio (che la ripudia), il paradiso griffato di Jasmine diventa un inferno di tribunali e di debiti, l’incubo le si accumula  in testa e la fa volare a San Francisco dalla sorellastra Sally Hawkins. Sua nemesi di mediocrità da cui trova rifugio e riavvio. Se però la felicità è uno stato mentale, quella della ex principessa è bloccata nel mood isterico e tormentato di un idillio perduto. Jasmine snobba la vita modesta, da cui tenta di “liberare” anche Sally, ma se per quest’ultima il soggiorno nel lusso è un gioco da cui sa tornare indietro, al contrario la nostra antieroina investe ogni sua fibra nervosa gettandosi a strapiombo nel sogno (e nel dolore).

Umore e umorismo nero per un Allen guidato dal fascino di una musa che crea una visione immensa del disastro. Cate regge la storia (altrimenti poco originale), flirta con l’obiettivo, diventa (non interpreta) qualcun’altra. Suo lo sguardo disperato e truce di un crollo psicologico, finanziario e familiare, suoi i sorrisi ostili e l’identità maltrattata. Critica sugli altri e mai su di sé, sulle bugie che nasconde o sulle verità che non vuole vedere, il regista la spia e la illumina dietro salti temporali, emozioni precarie e battute brillanti.
Del passato non resterà che un set di valigie Vuitton, del suo rifiuto una promessa matrimoniale e del futuro un lavoro immaginario: miserie e alienazioni della ricchezza. A sigillare il baratro esistenziale secondo Allen la solitudine di una donna drammaticamente splendida… finita in panchina.

Scheda film

Titolo: Blue Jasmine
Regia: Woody Allen
Sceneggiatura: Woody Allen
Cast: Cate Blanchett, Sally Hawkins, Bobby Cannavale, Alec Baldwin, Louis C.K., Peter Sarsgaard, Michael Stuhlbarg
Genere: commedia/drammatico
Durata: 98’
Distribuzione: Warner Bros Italia
Nazione: Usa
Uscita: 05/12/2013.

MissK DiCinema

Nessun commento:

Posta un commento