The Counselor di Ridley Scott: recensione

Rampante quanto sprovveduto avvocato Michael Fassbender è innamorato di una cotta a puntino Penelope Cruz. Mentre qualcuno gli dà dell’idiota si lancia in un business sporco per un problema di avidità (che non sa ammettere) e, quando pensa che tutto stia andando per il meglio, vive sulla propria pelle tutti i funesti avvertimenti che l’amico in affari Javier Bardem insieme al mediatore Brad Pitt gli avevano dato.
****
Si portava dietro una scia di stelle e strisce non indifferente The Counselor, da Ridley Scott che lo dirigeva a un cast di tutto rispetto che lo interpretava, passando per Cormac McCarthy (Pulitzer per la narrativa, qui alla sua prima sceneggiatura per il cinema). Ma l’imperfetto non casuale e più il film procede più disanima le aspettative.
Tante cose dentro (corruzione, criminali, ghepardi, sesso, smanie di denaro, filosofie) eppure non prende, non scuote, non esalta e non infama. Si dona al pubblico consapevole del proprio fascino regalato a iosa dai (grandi) interpreti, sospesi ma inarrestabili verso gli opposti di uno stesso manicomio: successo e fallimento. Sono tutti lì nel cumulo di grazie e disgrazie fameliche (Diaz), smarrite (Fassbender), virgialiane (Pitt), timorose (Bardem) e innamorate (Cruz), con intervalli di scene sanguinolente, di azioni subdole, di tensione capillare e di pianti irrecuperabili. Il non detto però si apprezza più del virgolettato, più delle piazzate antipatiche di frasi a effetto o della (a)moralità ricercata in performance estreme (quella della Diaz su una Ferrari sarà annoverata in probabili analogie future di perversione, ma qualcuno dirà erotismo). Belli, firmati e profumati i personaggi di Scott, alcuni preparati per la vittoria, altri ignari della rovina. Un’opera da maestro dopo la quale però si esce di sala avvertendo un umore sospetto, tra il fastidio e il fiacco, tra l’attrazione e l’amarezza. Come quando si apre un dono e si scopre che il fiocco è meglio del contenuto.

Vedere una preda uccisa con eleganza mi commuove. Una cosa del genere è sempre erotica. Il cacciatore ha grazia, bellezza e purezza di cuore come nessun altro. Non c’è distinzione tra quello che sono e quello che fanno, e quello che fanno è uccidere. Noi ovviamente siamo di un’altra pasta, la fiacchezza del nostro cuore ci ha condotti praticamente alla rovina. Forse non sarai d’accordo, ma niente è più crudele di un vigliacco, e il massacro che verrà supererà ogni immaginazione.
(Cameron Diaz)
Scheda film
Titolo: The Counselor – Il procuratore (The Counselor)
Regia: Ridley Scott
Sceneggiatura: Cormac McCarthy
Cast: Michael Fassbender, Brad Pitt, Cameron Diaz, Penélope Cruz, Javier Bardem, Dean Norris, Natalie Dormer, Rosie Perez, Goran Visnjic, Sam Spruell, Ruben Blades, Bruno Ganz
Genere: drammatico
Durata: 117’
Distribuzione: 20th Century Fox
Nazione: Usa
Uscita: 16/01/2014.

MissK DiCinema

Nessun commento:

Posta un commento