RoboCop di José Padilha: recensione

<<Un robot non conosce il valore della vita umana, come potremmo consentirgli di porvi fine?>>

L’agente Alex Murphy torna con il volto di Joel Kinnaman (che fu di Peter Weller nel 1987) per il remake dell’omonimo film girato da Paul Verhoeven. A dirigere la nuova versione in black di RoboCop è José Padilha, fan dell’originale e apprezzato per Tropa de Elite - Gli squadroni della morte (Orso d'oro al Festival di Berlino 2008).

Continuo su MyReviews ;)

MissK DiCinema

Nessun commento:

Posta un commento