Edge of Tomorrow - Senza domani di Doug Liman: recensione

«Vivi, muori, ripeti». Sembra l’esortazione di un videogame, ma invece è cinema. Concepito sull’idea ludica di reset-riavvio e pensato da Doug Liman per creare il suo blockbuster/shi-fi dentro cui svolgere la trama come una missione. Edge of Tomorrow si ispira al soggetto del light novel giapponese All you need is kill (2004) di Hiroshi Sakurazaka. Duecento pagine illustrate che raccontano la vicenda di una recluta costretta a rivivere lo stesso giorno e la stessa battaglia, fino a perfezionare l’addestramento e combattere contro i Mimic (una letale razza biomeccanica che vuole prendersi la terra). A incarnare l’eroe nel “gioco” del regista c’è il sempre più fantascientifico Tom Cruise, appoggiato dalla leale e irrefrenabile Emily Blunt. Liman li fa muovere in un loop temporale che ad ogni sbaglio riavvolge la scena, ma permette al soldato di conservarne memoria, migliorando di volta in volta l’approccio e la strategia contro il nemico.
L’ellisse alla Ricomincio da capo (1993) ricorda “il giorno della marmotta” di Bill Murray, ma la materia esperienziale e problematica del film richiama soprattutto una versione più action e meno cerebrale di Source Code (2011). Liman indubbiamente esclude la fisica quantistica e si rivolge all’intrattenimento, senza svuotare la storia di un significato interessante. Le capacità, il coraggio, la collaborazione, tutte le doti che il protagonista deve affinare per andare avanti diventano le armi che lo fanno evolvere e gli consentono di correggere l'azione. Edge of Tomorrow ragiona su questa direzione e funziona perché va oltre la grafica, sostenuto da alcuni pizzichi d’ironia e da due bravi interpreti. Prima di Cruise a impegnarsi è infatti la Blunt, volto e inno della speranza, capace soprattutto di essere credibile in un ruolo che in quasi due ore di film è destinato a pochi cambiamenti. Al contrario dell'esoscheletro Cruise che è la variabile della storia: disertore prima e guerriero dopo, funzionale a un frammezzo che regala la palpabile e spossante frustrazione di essere l’unico a poter cambiare le cose e, al tempo stesso, di sentirsi il meno adatto per farlo.
Edge of Tomorrow sa come accattivarsi il pubblico (sorrisetti di Cruise, temerarietà della Blunt...), ma sa anche replicare e sviluppare duecento volte la medesima realtà, conservando il ritmo e una buona tensione mai fine a se stessa. 
Purché non diventi la norma, di questi tempi può bastare.

Scheda film

Titolo: Edge of Tomorrow – Senza domani (Edge of Tomorrow)
Regia: Doug Liman
Sceneggiatura: D.W. Harper, Joby Harold, Alex Kurtzman, Roberto Orci
Cast: Tom Cruise, Emily Blunt, Bill Paxton, Brendan Gleeson, Jonas Armstrong, Tony Way, Kick Gurry, Franz Drameh, Dragomir Mrsic, Charlotte Riley, Noah Taylor
Musiche: Christophe Beck
Genere: fantascienza/azione
Durata: 118’
Produzione: 3 Arts Entertainment, Viz Media
Distribuzione: Warner Bros. Italia
Nazione: Usa
Uscita: 29/05/2014.

MissK DiCinema

Nessun commento:

Posta un commento