500 giorni insieme: stasera in tv citazione e curiosità

Si pensa che in amore siano necessari due opposti per generare una folle passione, ma quando la scintilla scocca solo da un lato le conseguenze di confondere il desiderio con la realtà sono alte. Nel 2009 Marc Webb le raccontava nel suo film d'esordio, chiamando per il ruolo del romantico tenerone Joseph Gordon-Levitt e per la sua pratica e lunatica ragazza Zooey Deschanel. Ne veniva fuori una graziosa commedia ricamata con una bella colonna sonora, che chiunque si sia trovato nella trappola dei sentimenti non ricambiati avrà visto almeno tre volte. Perché sebbene 500 giorni insieme (dice nel prologo la voce narrante) non sia una storia d'amore, resta una storia "su" l'amore. E in fondo lì dove l'Estate finisce tanto altro comincia... ovvero non è detto che l'Autunno sia così male.

È da chiarire il fatto che il concetto delle stagioni presente nel film ha un significato preciso, reso tale attraverso il nome delle due interpreti Summer-Estate e Autumn-Autunno, che però nella versione italiana sono state sostituite da Sole e Luna.

Una curiosità sta nella nota che l'autore scrive all'inizio del film: con nonchalance viene citata una certa Jenny Beckman a cui si dà della cagna. A quanto sembra il pensiero è stato inserito dal cosceneggiatore Scott Neustadter, il quale ha ammesso di essersi basato per il personaggio della Deschanel su una ragazza che ai tempi del liceo gli provocò un dolore orribile e indimenticabile, non avendolo corrisposto pienamente: "la seguente storia è una finzione. Ogni riferimento a persone vive o morte è puramente casuale. In particolare tu Jenny Beckman. Puttana".

500 giorni insieme va in onda stasera alle 21:10 su La 5 (canale 30).

Di seguito c'è il prologo (il video è nella versione originale)
Questa è la storia di un lui e di una lei.
Lui si chiamava Tom Hansen, veniva da una cittadina del New Jersey ed era cresciuto nella convinzione che non sarebbe mai stato felice finché non avrebbe conosciuto la ragazza giusta. Convinzione che traeva origine dalla precoce esposizione al pop inglese malinconico e da una lettura totalmente astrusa del film Il laureato.
Lei, Sole Finn, originaria di un piccolo centro del Michigan era di tutt’altro avviso. Dopo l’esplosiva separazione dei genitori aveva amato esclusivamente due cose: i suoi lunghi capelli castani e la facilità con cui era riuscita a tagliarseli senza provare alcunché. Tom incontrò Sole un otto gennaio e capì quasi immediatamente che si trattava della ragazza che aveva sempre sognato.

Questa è la storia di un lui e di una lei… ma tanto vale chiarirlo subito, non è una storia d’amore.

MissK DiCinema

Nessun commento:

Posta un commento