Jem e le Holograms: arriva il film della rock band animata anni Ottanta

Negli anni Ottanta, quando la ribellione massima a cui una adolescente aspirava era tingersi gli occhi con l’ombretto fucsia, baciare un ragazzo nei corridoi della scuola e cantare a squarciagola in strada con le amiche, Jem incarnava l’anima rock e la stravaganza fashion, la passione del sogno e la reazione alle avversità suonando con la sua band: le Holograms. Un quartetto di ragazze con una pesante eredità sulle spalle (una casa discografica in fallimento e un orfanotrofio destinato a chiudere) che, grazie all’aiuto di un sofisticatissimo computer, dava vita agli ologrammi con i quali cantare per risolvere i problemi finanziari.
Così, con la missione “salvataggio discografico” nel cuore, il potere dei glitter nello stile, i clip musicali che incoraggiarono l’era di MTV e alcune scaramucce (ma neppure tanto ucce) con le rivali Misfits, il gruppo regalava ad ogni puntata due canzoni (per un totale di circa 153 scritte da Barry Barman), un impareggiabile kitsch e una notevole tenacia. 

A trent’anni di distanza dalla serie tv la Hasbro (creatrice delle bambole che ispirò il cartone) insieme alla Universal Pictures e al regista Jon M. Chu (G.I. Joe - La vendetta; Justin Bieber's Believe; Step Up) ha deciso di portare al cinema le quattro scatenate cantanti in versione carne e ossa. Il look e la sceneggiatura dovrebbero restare fedeli alle originali (pur con aggiornamenti tecnologici di essenziale coinvolgimento per le nuove generazioni) e vedono la orfana Jerrica, alias Jem, che tra concerti, amori, feste e band antagoniste cerca di risistemare la propria vita, non senza le difficoltà causate dall’identità segreta.

In attesa del film la produzione ha aperto un Tumblr dedicato alle novità e ai fan (a cui si chiede collaborazione attiva per la realizzazione della storia), inoltre la casa editrice IDW lancerà ad aprile (per ora in America) la serie a fumetti dedicata a Jem e le Holograms.
Le protagoniste sono interpretate da Aubrey Peeples (Jem), Stefanie Scott (Kimber), Hayley Kiyoko (Aja) e Aurora Perrineau (Shana), il ruolo di Rio è affidato a Ryan Guzman.

Non è certo un polverone, ma dietro c'è comunque un'epoca intera.

MissK DiCinema

Nessun commento:

Posta un commento