Il nome del figlio di Francesca Archibugi: recensione

Sarebbe stato bello se l'idea fosse stata italiana, se alle spalle della "nostra" commedia non ci fosse stato ancora una volta lo scheletro dei francesi, ma non è così. Il nome del figlio di Francesca Archibugi si ispira al disegno d'oltralpe e aggiorna quella Cena tra amici del 2012 (oltre all'opera teatrale Le prénom) con sagacia, umorismo e tenerezza. Il risultato è altalenante, ma il cast si vuole bene (e si vede), mordace senza pretese, se non la volontà di commuovere e coinvolgere (vedi la ballata con Telefonami tra vent'anni di Lucio Dalla, o il parto live di Micaela Ramazzotti). La distrazione dalla solita mediocrità è assicurata e per chi abbia dubbi su quale nome dare al proprio figlio può andare da domani al cinema!

MissK DiCinema

Nessun commento:

Posta un commento