Train to Busan: anteprima in Italia grazie a Tucker Film

“Com’è?” chiede qualcuno sui social… e la Tucker risponde “una bomba!”; risponde come è ovvio che risponda la casa di distribuzione che ha deciso di far arrivare il coreano Train to Busan *in Italia. Risponde com’è giusto che sia, anche solo per prendersi il merito di saper guardare al di là di Hollywood. Ma il punto non sarebbe neanche questo, nonostante la prevedibile e catastrofica pandemia a cui ci hanno abituato gli zombie movie, qui sembra esserci qualcosa di più. Una umana condizione che va oltre lo splatter. Se vogliamo guardare la critica ci sono gli elogi “cult” all’ultimo Festival di Cannes, mentre la voce del pubblico decreta  incassi trionfanti in terra asiatica e francese. Se non bastasse ha già bussato la 20th Century Fox che vorrebbe acquisire i diritti per girare un remake; e poi si aggiunge un trailer che potrà ingannare grazie al montaggio, ma rimane interessante. Insomma molte facce che dicono la loro, anche se in mezzo a tanto marketing vale la pena fare affidamento su una giovane casa di produzione, che è la stessa a cui si deve dire grazie per averci fatto vedere un’eccellenza come Class Enemy, e che magari, ha semplicemente un buon occhio per il Cinema.

Train to Busan è il primo lungometraggio diretto da Yeon Sang-ho e *avrà la sua anteprima nazionale il 21 ottobre alla Festa del cinema di Roma.
(Per la distribuzione nelle sale si deve attendere la prossima primavera)

Qui il trailer di Train to Busan.

MissK DiCinema

Nessun commento:

Posta un commento